[Download] ➸ La strage dei congiuntivi ➽ Massimo Roscia – Tshirtforums.co.uk

La strage dei congiuntivi pdf La strage dei congiuntivi , ebook La strage dei congiuntivi , epub La strage dei congiuntivi , doc La strage dei congiuntivi , e-pub La strage dei congiuntivi , La strage dei congiuntivi 34a93c45a26 Chi Ha Ucciso L Assessore Alla Cultura Ma, Soprattutto, Chi Salver La Grammatica Cinque Bizzarri Personaggi, Abilmente Descritti, Si Uniscono Per Mettere In Atto Un Grande Disegno Criminoso A Difesa Estrema Di Una Lingua Quotidianamente Vilipesa, Deturpata E Ferita A MorteI Congiuntivi Vengono Invertiti Con I Condizionali, I Verbi Intransitivi Goffamente Resi Transitivi, I Gerundi Sfregiati, I Sinonimi Ignorati, I Troncamenti Confusi Con Le Elisioni, I Vocabolari Abbandonati Nelle Cantine Ammuffite Reggenze Errate, Fastidiose Sovrapproduzioni Di Avverbi, Insopportabili Diminutivi Iperbolici Espressioni Trite E Banali, Frasi Mangiucchiate, Difettose, Frammentate, Incoerenti, Prive Di Punteggiatura I Pi Si Mostrano Indifferenti Al Progressivo Diffondersi Della Non Lingua Altri Si Indignano, Limitandosi A Contrarre Le Labbra In Segno Di Disgusto Altri Ancora Dionisio E I Suoi Sodali, Un Analista Sensoriale, Un Bibliotecario, Un Dattiloscopista Della Polizia E Un Professore Di Letteratura Sospeso Dall Insegnamento A Tempo Indeterminato Decidono Di Reagire, Combattere, Attuare Il Loro Salvifico Piano, Costi Quel Che Costi


10 thoughts on “La strage dei congiuntivi

  1. says:

    Il voto esatto, per amor di fiscalit , sarebbe un 2.5.La mia opinione andata variando col procedere della lettura l inizio mi vedeva entusiasta, ma ad ogni pagina che voltavo l eccitazione calava L effetto della patina della bellezza fonica e anche visiva della prosa di Roscia sfumava sempre pi velocemente e io mi rendevo conto che il romanzo stava diventando sempre meno romanzo e sempre pi espediente per fare bella mostra di una cultura senza dubbio vasta e impressionante, ma arida cos contestualizzata Di conseguenza, la trama si assottiglia gi in partenza si profilava abbastanza banale, e mantiene tutte le sue promesse.Un esercizio di stile lodevole, certo e tuttavia, una lettura senza troppe re trascurabile.


  2. says:

    Ho adorato questo libro perch l esplicazione dei nostri pensieri pensieri veloci scritti pensavo fosse un libro lento borioso Invece mi ha molto colpito Roscia inimitabile Perch la sua non solo una scrittura densa e controllata anche fresca Ci che leggi esattamente come lo penserebbe il personaggio Ho avuto serie difficolt nello stare al passo col romanzo per la velocit dei pensieri dei personaggi I capitoli sono introdotti da citazioni, tra il gioco e l erudizione tra le righe numerose onomatopeiche il tutto in un guazzabuglio linguistico che rende Massimo Roscia uno tra i migliori contemporanei che abbia letto.Tutto ci per creare un romanzo molto originale, che ha le sfumature del giallo.


  3. says:

    Errare humanum est, perseverare autem diabolicum Ho fatto tantissime ripetizioni, e sicuramente avr scritto solo periodi sgrammaticati, questo romanzo mi ha messo un ansia addosso ahahahah Perdonatemi Ho comprato questo libro al BookPride di Milano, non conoscevo l autore e nemmeno la casa editrice mi stato consigliato dalla ragazza che quel giorno si trovava allo stand e, sempre grazie a lei, ho anche avuto il piacere di conoscere direttamente lo scrittore che veramente molto simpatico.Che dire, mi aveva subito colpita, mi piaceva l idea di leggere un libro che trattasse come tema il maltrattamento della lingua italiana Lo ammetto premettendo che non sono brava a scrivere, e non sono nemmeno una super esperta della lingua italiana ma quando qualcuno fa errori banali nello scrivere o nel parlare resto sempre parecchio sorpresa Ok, sicuramenti anch io ho fatto, faccio e far tantissimi errori grammaticali come questa frase che non mi convince molto , per ci sono certe coso che danno parecchio fastidio, una di queste, che io odio con tutta me stessa, il fatto che molte persone non usino l h nel verbo avere Molte volte pu capitare che sia una semplice svista, ma non sempre cos Una volta chiesi ad un mio amico per quale motivo si ostinasse a non mettere l h nel verbo avere, e lui molte seccamente mi rispose che riteneva la cosa era una perdita di tempo E con ci ho detto tutto Io non pretendo che le persone usino un linguaggio aulico, complicato, forbito, o quello che , per le cose pi semplici, se dette in modo errato, un pochino danno fastidio, almeno a me Per , non credo potrei arrivare al punto di uccidere qualcuno, cosa che invece fanno i protagonisti di questo libro.Essenzialmente l ho apprezzato molto, scorrevole, e il cambio di voce narrante ad ogni capitolo, l ho trovato interessante, ed la prima volta che leggo un libro scritto in questo modo Sinceramente devo ammettere che ci sono arrivata solo dopo al fatto che nel secondo capitolo stava parlando un altra persona L ho trovato molto ironico, e la cosa mi piaciuta, su alcune cose per mi sembrato un po esagerato Veramente le persone sbagliano cos tanto Mi dispiace solo di averlo abbandonato per pi di una settimana, a causa di vari impegni che non mi permettevano di trovare anche solo cinque minuti da potergli dedicare Una pecca Non ho apprezzato moltissimo il finale, in realt non mi aspettavo nulla di particolare, per sicuramente non era questo che mi aspettavo Ovviamente non posso dirlo, non voglio fare spoiler Ahahah In ogni caso, lo consiglio vivamente molto bella anche la copertina Buone Letture


  4. says:

    Se l obiettivo dell autore era scrivere un opera ambigua che funzionasse su pi piani, dal saggio erudito al romanzo noir, dal manifesto letterario alla satira, l impresa riuscita non del tutto Diciamo che questo libro fa un po di tutto questo, ma lo fa piuttosto male su tutti i livelli, se non quello delle citazioni colte e della scrittura, che ineccepibile e scorrevole allo stesso tempo Il problema principale di questo libro che non funziona come romanzo, con personaggi poco caratterizzati e altamente improbabili Anche il setting che l Italia che per non l Italia non convince Dietro il gioco di specchi di un umorismo noir e dell estremismo volutamente esagerato dei personaggi, ho spesso avuto l impressione che si celassero una visione e un messaggio di stampo fascista e perfino razzista Spero che si tratti di un divertissement, ma scrivere un libro cos secondo me un po come giocare col fuoco.


  5. says:

    In sintesi la storia di certi personaggi, cos incavolati per la violenza che si fa sulla lingua italiana nonostante quasi nessuno sia italiano e cos tronfi da darsi il nome di grandi grammatici filosofi dell antichit , che uccidono chi fa grossi strafalcioni.L idea poteva essere originale ma si perde il filo nella confusione di note vere e false, di sfoggi di erudizione dell autore e nell eccessiva smania di adottare un linguaggio forbito all estremo.Se devo essere onesta alla fine non ci ho capito nulla, ma forse un mio limite.


  6. says:

    La strage dei congiuntivi e non un noir ed e non un romanzo Non del tutto, almeno.Quel che certo che racconta, servendosi di un linguaggio accurato e con un utilizzo attento e sapiente di argomenti e vocaboli, la storia di cinque improbabili personaggi impegnati nella lotta contro l imbarbarimento della lingua italiana Il tutto condito da una buona dose di sottile ed erudita ironia.Un bibliotecario, un professore di letteratura sospeso dall insegnamento a causa di alcuni problemi mentali rilevanti aggiungerei , un dattiloscopista della polizia e un analista sensoriale, normalmente, non presenterebbero alcun tratto comune Normalmente, appunto.Ne La strage dei congiuntivi, questi apparentemente anonimi personaggi condividono una forte e bruciante passione la lingua italiana Si pu avere una passione irrefrenabile per l Ars Grammatica S , il mio professore di italiano, latino e greco al ginnasio ce l aveva E la difendeva a spada tratta, maltrattando chiunque sbagliasse un congiuntivo, usasse casualmente i condizionali, sbagliasse a utilizzare apostrofi e accenti, facesse un uso sconsiderato e non ponderato delle consonanti cedendo all accento della propria zona d appartenenza lui, il mio docente, chiamava questi individui i dinghete e donghete Certo, il mio insegnante del ginnasio non ha mai pensato di punire fisicamente chi, per ignoranza o arroganza, maltrattasse la lingua italiana.I personaggi della storia di Massimo Roscia, invece, decidono di agire il primo a farne le spese sar Gross Donkey, assessore comunale alla cultura, reo non solo di parlare una lingua che, neanche lontanamente, paragonabile alla lingua italiana ma anche di aver partorito un piano di ottimizzamento delle risorse, chiudendo persino la biblioteca comunale Perch Gross Donkey, come tanti altri nel mondo purtroppo pensano che con la cultura non si mangi, n si facciano soldi e che quindi, giustamente, non un settore fondamentale per la vita di una piccola cittadina e per la societ L asfalto lo , il turismo di massa lo , gli appalti per i centro commerciali e l abusivismo edilizio lo sono grazie o a causa del discorso tenuto presso un convegno, nel quale l assessore relega la cultura a un settore di scarsa importanza e distrugge l italiano, che il gruppo di fanatici della lingua si unisce e, guidati dalla figura di Dionisio, da quel momento si batter affinch la lingua non venga pi deturpata.Dionisio sceglier un nuovo nome per ognuno di loro ispirandosi alle figure di importanti grammatici e filosofi dell Antica Grecia, nomi che serviranno ai cinque giustizieri per trovare la forza e il coraggio di commettere un atto efferato l omicidio dell assessore, il quale abbraccer la morte a seguito di un trauma cranico, causato da violenti colpi inferti con un bastone d olivo.Altre vittime seguiranno in questa crociata, tutte colpevoli di contribuire chi pi , chi meno all imbarbarimento della lingua italiana.Ma, dicevo all inizio, questo libro e non un romanzo S , perch La strage dei congiuntivi presenta un infinit di note a pi pagina spesso esplicative, alcune volte superflue, che non si trovano spesso nei romanzi Molte di queste mi hanno effettivamente insegnato qualcosa, soprattutto quando si riferiscono ad avvenimenti storici particolari, molte altre mi hanno strappato un sorriso Le mie preferite, a libro concluso, restano le note di Liang Zidian, l ex bibliotecario vittima dell ottimizzamento.Una lettura che mi ha davvero appassionata, portandomi a leggere circa duecento pagine in una sola notte, note a pi di pagina incluse E, credetemi, quelle note mettono davvero a dura prova l attenzione di chi legge perch non sempre saggio dare per scontato ci che affermano Una trovata che, personalmente, trovo interessante e soprattutto molto ben sviluppata dall autore Un plauso speciale e so che una di quelle frasi fatte che tanto farebbero arrabbiare i cavalieri della grammatica alla gestione dei punti di vista, appartenente a un personaggio diverso per ogni capitolo, e alla spiegazione dettagliata e spesso poetica del significato del numero di ogni capitolo.Un libro certamente impegnativo, ma che diverte e incanta per la sua ironia e per la brillantezza dei dialoghi Dinghete e donghete a Roma espressione utilizzata per indicare, in tono dispregiativo, le persone provenienti dalla cosiddetta Ciociaria dintorni di Roma che, a causa del forte accento, sono riconosciute per stravolgere le consonanti d al posto della t, ad esempio Recensione tratta dal mio blog La strage dei congiuntivi, Massimo Roscia


  7. says:

    Un bel romanzo, avvincente, con personaggi ben caratterizzati, ben scritto anche se a volte un po complesso da leggere un giallo non giallo, un noir, non noir, un opera in difesa della nostra lingua che, a fronte di una nobile origine e di una ancor pi nobile ricchezza lessicale, sempre pi impoverita nel suo uso quotidiano.Da leggere per riscoprire la bellezza e l importanza di ci a cui sempre pi rischiamo di rinunciare.


  8. says:

    Il libro nelle intenzioni dell autore avrebbe dovuto essere un noir ironico in cui alcuni paladini della lingua e grammatica italiane commettevano delitti verso chi le storpiava.L idea era pure carina, ma l autore ha inserito una serie di lunghi sproloqui e note a pie di pagina per allungare il brodo che hanno appesantito inutilmente il racconto di ironico non ci ho trovato veramente nulla.Do 3 stelle perch per certi versi non male.


  9. says:

    Sentimenti alterni mi hanno accompagnato nella lettura Esaltazione per le trovate e irritazione per alcune precisazioni tanto superflue a mio parere quanto pedantesche Ma si tratta decisamente di un buon libro che contiene verit ovvie e dimenticate da chi maltratta l italiano.http exlibris20102012.blogspot.it 2


  10. says:

    Questo libro di Massimo Roscia una vera epifania del pensiero Denso di citazioni e di cultura Costellato di momenti in cui l intelligenza di disvela nella sua purezza quasi matematica.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *